la gazzetta dell'Istituto "Vittorio Emanuele III" di Lucera
MUSICA E DROGA: STORIA DI UN AMORE CONTROVERSO
MUSICA E DROGA: STORIA DI UN AMORE CONTROVERSO

MUSICA E DROGA: STORIA DI UN AMORE CONTROVERSO

Il legame tra musica e droga è antichissimo e il loro connubio è così stretto da non poter pensare all’uno senza prendere in considerazione l’altro

Il filo che unisce musica e droga è molto antico, da sempre sia i musicisti che gli ascoltatori utilizzano le droghe più disparate per comporre o ascoltare i più diversi generi musicali.

Quasi tutti i generi musicali hanno come corollario un mondo fatto di sostanze stupefacenti che influenzano sia la  creazione che l’ascolto dell’opera, anzi alcuni di questi non esisterebbero senza specifiche droghe;ad esempio l’anfetamina ha ispirato i ritmi frenetici della techno. 

Di contro abbiamo droghe che vengono abbinate a un genere musicale per i loro specifici effetti tanto da contribuire alla nascita o alla diffusione di questo, ad esempio non capiremmo la diffusione dell’Acid Rock se non conoscessimo gli effetti dell’LSD e se l’ecstasy non si fosse diffuse a cavallo tra gli anni ’80 e ’90 la musica house sarebbe rimasta un genere di nicchia.

Sappiamo bene poi come la musica rap faccia esplicito riferimento alla droga e all’alcool, ma anche un genere come il country, apparentemente “pulito” ne fa un uso molto consistente ed esplicito, riportandolo ovviamente nei testi.

Il fatto è che chi compone l’opera sente la necessità di sperimentare altri stati di coscienza, vivere sensazioni tali da permettergli un’amplificazione della percezione delle cose che lo “stato normale” non gli consente.

Lo stesso vale per chi ascolta, vari resoconti di persone che utilizzano droghe per assistere a dei concerti riferiscono che le sensazioni provate non sono come quelle “normali” ma tutta l’esperienza viene vissuta in maniera più forte.

Certo c’è poi una sostanziale differenza fra i vari tipi di droga, ma il comune denominatore è quello della ricerca del piacere.

Naturalmente la buona notizia è che si può ascoltare e godere della musica senza bisogno di assumere sostanze particolari, date le grandi potenzialità benefiche del suono.

Infine è stato dimostrato che il connubio musica-droga porta gli individui a fare gruppo, quindi persone che ascoltano lo stesso genere e usano le stesse droghe tendono a pensarla in maniera simile, ciò contribuisce alla formazione di legami affettivi, ma anche a condividere la stessa visione del mondo e le stesse idee politiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *