la gazzetta dell'Istituto "Vittorio Emanuele III" di Lucera
CORONAVIRUS-SCOPERTA NUOVA VARIANTE BRASILIANA
CORONAVIRUS-SCOPERTA NUOVA VARIANTE BRASILIANA

CORONAVIRUS-SCOPERTA NUOVA VARIANTE BRASILIANA

Tampone Molecolare Covid-19: Tutto quello che c'è da sapere - Multimed  Network Sanitario
tampone molecolare covid-19

La variante brasiliana è un nuovo codice genetico del coronavirus. Una mutazione che si chiama variante B.1.1.28 ed è stata ribattezza P.1. La preoccupazione è che potrebbe indebolire la risposta degli anticorpi in persone già infettate o vaccinate: e quindi ridurre l’efficacia dei vaccini. Inoltre, come altre varianti presenti, sembrerebbe più contagiosa. Perché è più resistente al vaccino La variante brasiliana, come quella sudafricana, ha tre mutazioni importanti vicino tra loro, che alterano la conformazione della proteina ‘spike’: ovvero quella che permette al virus di agganciarsi alle cellule del nostro tratto respiratorio, entrare dentro di queste e replicarsi.


IL PRIMO CASO

Brasile, il Covid avanza e c'è chi minimizza. Ma la situazione era  devastante anche prima - Il Fatto Quotidiano

La variante brasiliana è stata individuata per la prima volta in Sud America su un’infermiera di 45 anni. La donna era già stata contagiata con il Covid-19 cinque mesi prima, poi è risultata nuovamente positiva. Nella seconda infezione, però, i sintomi della signora sono peggiorati e così i ricercatori si sono messi subito a lavoro per studiare il caso. Quando è arrivata in Italia Per il momento, il ceppo brasiliano è stato individuato in sei Paesi al mondo, tra cui’ltalia. Qui, il primo caso si è avuto il 16 gennaio, quando un uomo rientrato dal Brasile all’aeroporto di Malpensa è risultato positivo.


I SINTOMI

I sintomi della variante brasiliana sono gli stessi del Covid-19, solo più aggressivi. Febbre, tosse secca e mal di gola, stanchezza diffusa e dolori muscolari, diarrea, congiuntivite, perdita del senso del gusto e dell’olfatto, più raramente difficoltà respiratoria o fiato corto, oppressione o dolore al petto, perdita della facoltà di parola o di movimento. Che si manifesteranno quindi in maniera più intensa. Inoltre questa variante è non solo più contagiosa, ma anche associata a una maggiore mortalità. In particolare, nella fascia giovane di popolazione: quella che va dai 20 ai 49 anni.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *